Passa ai contenuti principali

Estrema difesa 2

Come già mostrato in un post precedente, durante la seconda guerra mondiale l'esercito tedesco creò delle linee difensive fortificate utilizzando torrette di carri armati danneggiati o non più adatti al combattimento. Di seguito un esempio di Pantherturm wall:

 
 
Nel caso illustrato, la torretta conserva la cupola originale del capocarro, diversamente da altre installazioni.
La vista posteriore mostra l'ingresso del bunker:

 
Tre soldati chiacchierano all'ombra della rete mimetica che copre l'ingresso, durante un momento di pausa.

Diorama in scala 1/35 con figurini ed accessori in plastica (Tamiya e Dragon).
La torretta è pure in plastica, proveniente dal kit del carro armato Panther della Italeri.
La collina è stata realizzata con pezzi di polistirene estruso, coperti di carta da cucina imbevuta di Vinavil; dopo l'essiccazione della colla, ho verniciato il tutto con uno spray beige, su cui ho poi steso altro Vinavil per incollare l'erba da presepe.
La struttura del bunker è stata ritagliata da un cartello di avviso di vendita in plastica e verniciata con vernice ad effetto martellato.
Il tubo della stufa si ottiene con una cannuccia snodabile dipinta di nero, mentre le reti mimetiche sono fatte di garza medica imbevuta di Vinavil e coperta di erba da presepe.
Le travi di contenimento della trincea sono in legno ed il pavimento è in carta vetrata, trattata con drybrush ocra e marroncino.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Lavoro perfetto é molto realista , mi piace i soldati che apparente fanno una pausa , bel lavoro Luca .
Complimenti .
I Like it. It is original, it's the first time, i see this kind of dioramas.

Gook work, as usual.

luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
e grazie ancora per il premio Dardos.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles!
in fact, it's something rarely seen in our hobby, but i think it's fascinating!
bye
alessandro ha detto…
GRANDE COME AL SOLITO.
ORMAI NON CI SONO Più PAROLE E COME AL SOLITO MI HAI FORNITO NUOVI SPUNTI.
ALESSANDRO
j.d ha detto…
Hola
GUAUUUUUU
Como mola,a quedado muy bien,recuerda mucho a esas escenas de películas cuando tienen que hacer un desembarco y te encuentras esto jajaja
UN SALUDO
Phil ha detto…
Beautiful work, inspired and realistic!
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
essere d'ispirazione è la più grande soddisfazione per un modellista.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
your enthusiasm is wonderful and you're right: i used some war time photos to realize it.
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil!
i'm very happy you like it.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
beh, lo sai che di solito non vado pazza per i diorama di guerra (anche se a poco a poco inizio ad apprezzarli), ma questo mi piace moltissimo... tra l'altro lo vedrei molto bene in una collocazione prestigiosa tipo l'Imperial War Museum, magari a grandezza naturale, ti immagini che bello? *__*
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
sono contento che ti piaccia, proprio perchè non è il tuo genere, quindi il complimento vale doppio!
mi fa piacere che l'argomento cominci ad interessarti e sono d'accordo: sai che figata installarne uno visitabile?
wow!
Al ha detto…
Excellent detail Luca, awesome modelling mate!
luca tempesta ha detto…
many thanks Al!
i'm really proud that you like it.
bye
Blogger ha detto…
FreedomPop is the #1 100% FREE mobile communications provider.

With voice, SMS & data plans always start at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…