Passa ai contenuti principali

Estrema difesa 2

Come già mostrato in un post precedente, durante la seconda guerra mondiale l'esercito tedesco creò delle linee difensive fortificate utilizzando torrette di carri armati danneggiati o non più adatti al combattimento. Di seguito un esempio di Pantherturm wall:

 
 
Nel caso illustrato, la torretta conserva la cupola originale del capocarro, diversamente da altre installazioni.
La vista posteriore mostra l'ingresso del bunker:

 
Tre soldati chiacchierano all'ombra della rete mimetica che copre l'ingresso, durante un momento di pausa.

Diorama in scala 1/35 con figurini ed accessori in plastica (Tamiya e Dragon).
La torretta è pure in plastica, proveniente dal kit del carro armato Panther della Italeri.
La collina è stata realizzata con pezzi di polistirene estruso, coperti di carta da cucina imbevuta di Vinavil; dopo l'essiccazione della colla, ho verniciato il tutto con uno spray beige, su cui ho poi steso altro Vinavil per incollare l'erba da presepe.
La struttura del bunker è stata ritagliata da un cartello di avviso di vendita in plastica e verniciata con vernice ad effetto martellato.
Il tubo della stufa si ottiene con una cannuccia snodabile dipinta di nero, mentre le reti mimetiche sono fatte di garza medica imbevuta di Vinavil e coperta di erba da presepe.
Le travi di contenimento della trincea sono in legno ed il pavimento è in carta vetrata, trattata con drybrush ocra e marroncino.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Lavoro perfetto é molto realista , mi piace i soldati che apparente fanno una pausa , bel lavoro Luca .
Complimenti .
I Like it. It is original, it's the first time, i see this kind of dioramas.

Gook work, as usual.

luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
e grazie ancora per il premio Dardos.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles!
in fact, it's something rarely seen in our hobby, but i think it's fascinating!
bye
alessandro ha detto…
GRANDE COME AL SOLITO.
ORMAI NON CI SONO Più PAROLE E COME AL SOLITO MI HAI FORNITO NUOVI SPUNTI.
ALESSANDRO
j.d ha detto…
Hola
GUAUUUUUU
Como mola,a quedado muy bien,recuerda mucho a esas escenas de películas cuando tienen que hacer un desembarco y te encuentras esto jajaja
UN SALUDO
Phil ha detto…
Beautiful work, inspired and realistic!
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
essere d'ispirazione è la più grande soddisfazione per un modellista.
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
your enthusiasm is wonderful and you're right: i used some war time photos to realize it.
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil!
i'm very happy you like it.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
beh, lo sai che di solito non vado pazza per i diorama di guerra (anche se a poco a poco inizio ad apprezzarli), ma questo mi piace moltissimo... tra l'altro lo vedrei molto bene in una collocazione prestigiosa tipo l'Imperial War Museum, magari a grandezza naturale, ti immagini che bello? *__*
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
sono contento che ti piaccia, proprio perchè non è il tuo genere, quindi il complimento vale doppio!
mi fa piacere che l'argomento cominci ad interessarti e sono d'accordo: sai che figata installarne uno visitabile?
wow!
Al ha detto…
Excellent detail Luca, awesome modelling mate!
luca tempesta ha detto…
many thanks Al!
i'm really proud that you like it.
bye
Blogger ha detto…
FreedomPop is the #1 100% FREE mobile communications provider.

With voice, SMS & data plans always start at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…