Passa ai contenuti principali

Germania 1945

Per espresso volere di Adolf Hitler, nel 1944 il collaudato semovente sd.kfz 251 fu dotato dell'ottimo cannone anticarro Pak 40 L/46 da 75 mm, dando vita così al modello sd.kfz 251/22 Schutzenpanzerwagen:

Qui vediamo il mezzo in azione in ambiente urbano durante l'ultimo anno di guerra.
L'installazione del pezzo anticarro comportò il taglio della copertura corazzata del veicolo e la ridefinizione degli interni, lasciando ben poco spazio per i quattro uomini dell'equipaggio.
L'arma da difesa ravvicinata era una MG42 montata su affusto brandeggiabile.

Lo scafo utilizzato è il modello D, come si nota dal disegno semplificato del portellone posteriore.
Mentre il caporale con il mitra MP40 indossa l'uniforme standard della Wehrmacht (esercito), i due uomini che seguono il semicingolato sono equipaggiati con la mimetica in dotazione alle truppe di fanteria della Luftwaffe (aeronautica militare).

Diorama in scala 1/35 con figurini e veicolo in plastica (Dragon) e base in resina (Verlinden).
Il kit del sd.kfz 251/22 necessita di alcune stuccature lungo le giunzioni, ma resta di qualità elevata; i cingoli a maglie singole richiedono molta precisione, a causa dei pezzi minuscoli.
La base del diorama va trattata con le solite attenzioni dovute ai pezzi in resina, ovvero: pulizia dagli immancabili sfridi di fusione e stuccatura dei fori lasciati dalle bolle d'aria in fase di stampaggio.
Il primer nero di base è stato applicato con uno spray, riservando la colorazione a pennello per i particolari.
Per quanto riguarda le lavature, ho utilizzato il color fumo per il veicolo, il marrone per l'incarnato e il nero per tutto il resto.
Il drybrush color ocra simula lo sporco dovuto alla polvere onnipresente, efficacemente riprodotta con della brecciolina fine spolverata con le dita su tutta la superficie.
Per fornire un maggior supporto al tutto, ho incollato il diorama su una base in legno.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Sempre un piacere di vedere i tuoi lavori Luca , ancora
un bellissimo diorama , bella pittura é effetto di movimento dei soldati .
Complimenti .
luca tempesta ha detto…
grazie infinite capitano!
ciao
Michael Awdry ha detto…
Lovely job Luca, I love the weathering effects that really bring it to life.
Andrea Caporale ha detto…
Davvero un pezzo ben fatto, ma anche particolare e interessante. Complimenti!
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael, you're very kind!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Andrea, sono contento che ti piaccia!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
I especially love the ruins and how realistic they look. By the way, do you use air brush for painting vehicles?
j.d ha detto…
Hola Amigo
Como siempre un magnifico trabajo
Una escena con movimiento con las figuras
un saludo
Fed Zeppelin ha detto…
E piace pure a me! ormai mi arrendo: l'ultimo scoglio resta il 40K
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
no, i don't use air brush, just spray cans for the background colour and simple brushes for the rest.
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
luca tempesta ha detto…
bene Fed!
ancora un passo e il tuo viaggio verso il lato oscuro sarà compiuto!
Anonimo ha detto…
semplicemete straordinario. ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale, sempre gentilissimo!
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is the only ABSOLUTELY FREE mobile phone provider.

With voice, text & data plans starting at £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…