Passa ai contenuti principali

Pacific Chapelon Nord

Stavolta vi presento un piccolo lavoro di restauro effettuato su un modellino di treno elettrico della Rivarossi di proprietà di un mio amico:
Come si può notare, mancavano alcune parti della locomotiva, compreso un intero assale, inoltre il corrimano sul tetto del tender aveva bisogno di manutenzione.
Ho ricostruito tutte le parti ritagliando i pezzi dalle stampate dei vecchi kit (sprue) e da cartelli segnaletici in plastica, mentre i respingenti sono stati ricavati da perline in plastica per bigiotteria; per le ruote ho utilizzato delle fustelle di misura adeguata.
Dopo aver decorato a pennello i nuovi pezzi, ho incollato il modellino sulle rotaie, a loro volta fissate alla base di legno con dei chiodi per cornici.
Lo stemma del produttore, rimosso dalla fiancata del tender, è andato a decorare la base, ricavata da un pannello in truciolare di un vecchio mobile.
I lati sono stati ricoperti con il nastro adesivo bituminoso, solitamente utilizzato per le riparazioni di tetti e canali di scarico.

A presto!

Commenti

Captain LOL ha detto…
Bravo Luca un bel lavoro di restaurazione prefetto , con molti dettagli . Complimenti .
luca tempesta ha detto…
grazie capitano!
ho cercato di ricostruire esattamente l'originale, e sono contento che ti piaccia.
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
*___* ma mi stai a provocà?
il treno è bello bello bello e il restauro è praticamente perfetto!
luca tempesta ha detto…
grazie, Fed, sempre troppo buona!
se ti può sevire, ho una copia del modellino, oltre alle foto, che sono ovviamente a tua disposizione.
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Very impressive work indeed. They look good as new.
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM, i tried to do my best!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
MAGNIFICO
si señor,gran trabajo
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, you're very kind!
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
come sempre un ottimo lavoro, devo dire che sei davvero poliedrico!
Bellissimo restauro.
Un saluto
Simmy
luca tempesta ha detto…
ti ringrazio davvero Simmy!
il fatto è che nel modellismo seguo l'ispirazione del momento e mi dedico a ciò che colpisce la mia attenzione.
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
Ovviamente ne approfitterò! grazie :)
Anonimo ha detto…
E' sconcertante la tua capacità di realizzare qualunque cosa in ambito modellistico.
Prima i poi ti dovrai cimentare con un diorama naturalistico, che sono sicuro realizzeresti in maniera eccezionale.
a presto
alessandro
luca tempesta ha detto…
molte grazie, Ale!
per il momento, sto studiando le tue tecniche e prendo nota di come realizzi i consigli che ti do, in modo da applicarli io stesso in seguito!
ciao

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…