Passa ai contenuti principali

Torre lancia dadi a quattro uscite

Nuova creazione nel campo degli accessori per i wargamers: un lancia dadi che aggiunge il brivido dell'imprevisto al normale risultato, dato che non è possibile prevedere da dove uscirà il dado.
La torre è in plastica e costituisce l'edificio di ingresso di un castello in scala 1/72 della Miniart, che ho utilizzato per un progetto analogo (cliccate qui per vederlo); la base su cui poggia è in legno ed è stata a sua volta incollata sulla carta vetrata che ricopre il contenitore che raccoglie i dadi lanciati.
Sia la base che i bordi sono stati verniciati con uno spray ad effetto granito.
Di seguito vediamo l'interno con il dettaglio della struttura a croce realizzata in plastica:
Come si nota, ho utilizzato delle parti superflue del modellino per chiudere gli angoli, mentre al centro ho incollato dei pezzi di nastro bituminoso per attutire la caduta dei dadi ed evitare che si rovinino.
La ripresa dal fondo mostra dei piccoli rinforzi triangolari che ho inserito più per prudenza che per effettiva necessità.
Il modellino è di buona fattura e non richiede grandi stuccature, inoltre il dettaglio è abbastanza marcato ed è sufficiente una lavatura di colore nero per porlo in risalto.

A presto!

Commenti

Anonimo ha detto…
ANCHE INGEGNERE ....................................

Complimenti per l'idea anche se non sono un giocatore di wargames, o meglio mi piacerebbe anche giocarci ma come ben sai a me piacciono troppe cose e si rischia di non fare bene niente.
a presto
alessandro
Michael Awdry ha detto…
That's a lovely piece of terrain Luca.
luca tempesta ha detto…
grazie Ale, e se un giorno volessi provare con i wargames o i giochi di ruolo, fammi sapere!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno,me gusta como te a quedado
Y para las partidas o para escenario muy bueno
un saludo
Hello Luca !

Nice idea and good work.

I think, i'll make a similar thing later to play with dices without running to catch them under a table. ^^
FourEyedMonster ha detto…
Are those drawbridges inside the castle? Looks like it anyway.
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, you're very kind!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles, i'm happy to have inspired you!
bye
luca tempesta ha detto…
hi FEM!
those are just some extra pieces i've used to direct the dices in the right way.
hope you like it.
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
che bella idea, anche il castello con varie torri è fantastico.
Ottima anche la realizzazione.
Così si evita di far finire i dadi per terra, di solito nei posti più impensabili e dove è impossibile recuperarli!
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy, sono contento che ti piacciano!
è vero, i dadi, rotolando, vanno a finire dovunque!
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is the first ABSOLUTELY FREE mobile communications provider.

Voice, SMS & data plans will cost you £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …