Passa ai contenuti principali

Torre lancia dadi a quattro uscite

Nuova creazione nel campo degli accessori per i wargamers: un lancia dadi che aggiunge il brivido dell'imprevisto al normale risultato, dato che non è possibile prevedere da dove uscirà il dado.
La torre è in plastica e costituisce l'edificio di ingresso di un castello in scala 1/72 della Miniart, che ho utilizzato per un progetto analogo (cliccate qui per vederlo); la base su cui poggia è in legno ed è stata a sua volta incollata sulla carta vetrata che ricopre il contenitore che raccoglie i dadi lanciati.
Sia la base che i bordi sono stati verniciati con uno spray ad effetto granito.
Di seguito vediamo l'interno con il dettaglio della struttura a croce realizzata in plastica:
Come si nota, ho utilizzato delle parti superflue del modellino per chiudere gli angoli, mentre al centro ho incollato dei pezzi di nastro bituminoso per attutire la caduta dei dadi ed evitare che si rovinino.
La ripresa dal fondo mostra dei piccoli rinforzi triangolari che ho inserito più per prudenza che per effettiva necessità.
Il modellino è di buona fattura e non richiede grandi stuccature, inoltre il dettaglio è abbastanza marcato ed è sufficiente una lavatura di colore nero per porlo in risalto.

A presto!

Commenti

Anonimo ha detto…
ANCHE INGEGNERE ....................................

Complimenti per l'idea anche se non sono un giocatore di wargames, o meglio mi piacerebbe anche giocarci ma come ben sai a me piacciono troppe cose e si rischia di non fare bene niente.
a presto
alessandro
Michael Awdry ha detto…
That's a lovely piece of terrain Luca.
luca tempesta ha detto…
grazie Ale, e se un giorno volessi provare con i wargames o i giochi di ruolo, fammi sapere!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno,me gusta como te a quedado
Y para las partidas o para escenario muy bueno
un saludo
Hello Luca !

Nice idea and good work.

I think, i'll make a similar thing later to play with dices without running to catch them under a table. ^^
FourEyedMonster ha detto…
Are those drawbridges inside the castle? Looks like it anyway.
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, you're very kind!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles, i'm happy to have inspired you!
bye
luca tempesta ha detto…
hi FEM!
those are just some extra pieces i've used to direct the dices in the right way.
hope you like it.
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
che bella idea, anche il castello con varie torri è fantastico.
Ottima anche la realizzazione.
Così si evita di far finire i dadi per terra, di solito nei posti più impensabili e dove è impossibile recuperarli!
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy, sono contento che ti piacciano!
è vero, i dadi, rotolando, vanno a finire dovunque!
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is the first ABSOLUTELY FREE mobile communications provider.

Voice, SMS & data plans will cost you £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!