Passa ai contenuti principali

Jagdpanzer V - Jagdpanther

Nel giugno 1944 l'esercito tedesco mise in linea i primi cacciacarri pesanti Jagdpanther:

Il mezzo univa lo scafo del carro armato Panther al cannone da 88 mm in dotazione al Tiger, e divenne subito uno dei migliori corazzati in dotazione alle Panzertruppen.

La prima azione cui il veicolo prese parte fu la battaglia di Normandia, per poi essere schierato anche sul fronte orientale.
Nonostante il brandeggio limitato del cannone, si rivelò micidiale per i blindati alleati, che potevano distruggere lo Jagdpanther solo a distanza ravvicinata e sparando sui fianchi o sul retro dello scafo, dove la corazzatura era meno spessa.

Il cacciacarri in esame è un modello di metà produzione, come si nota dal cannone in due parti e dal mantelletto imbullonato e non saldato alla casamatta.
Il vero limite del mezzo fu la scarsa quantità di esemplari prodotti: solo 419.
Dopo la guerra, i veicoli superstiti furono assorbiti nelle truppe corazzate francesi.

Il modellino è in plastica, in scala 1/25, ed è prodotto dalla Academy.
I dettagli sono molto buoni e gli incastri precisi.
Ho verniciato il pezzo con vernice spray, dipingendo poi i particolari a pennello.
L'effetto usurato delle marmitte e della volata del cannone si ottiene con il drybrush, mentre una lavatura in colore fumo (verde - marrone) riproduce l'effetto dell'esposizione alle intemperie della corazza.

A presto!

Commenti

András Szilvásy ha detto…
Very nice work. Maybe you should add some weathering to the tracks fixed on the hull too.
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras, i'll take care of it!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Gran trabajo si señor
Pero echo de menos uno de esos terrenos que nos tienes acostumbrado con los carros..... no ves nos acostumbras mal jajaja,
UN SALUDO
Fed Zeppelin ha detto…
Documentazione, documentazione ovunque! :D
Bel lavoro Luca
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
you're right, but this time it's too big for a diorama!
thanks again.
bye
luca tempesta ha detto…
...e non ho mica finito!
grazie Fed!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Very nice yellows. Does it mean that this particular tank also saw action in the deserts?
luca tempesta ha detto…
hi FEM!
no, this tank arrived when the Axis had already lost the african territories.
this kind of dark yellow was used as base colour for all the german tanks since mid-1943.
the other two camo colours were green and red-brown, with many different patterns.
you can find them in my other posts about WWII.
thanks for reading!
bye
FourEyedMonster ha detto…
Thanks for the information luca. Although I have read a lot about WW2 since I was a child ... this little fact I did not know. :)

Unless it was autumn, the yellow color would have made it an easy target for the Allied forces ... I think.
luca tempesta ha detto…
hi FEM.
i agree with you that it's a strange camo colour, but checking old photos i saw that it blends well with dust and dry mud, moreover when it's used in combination with green and red-brown blotches and stripes.
don't be afraid to ask more if you want!
bye
aironman ha detto…
me gustan todos tus maquetas
se las ve potentes
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks aironman, you're very kind!
your models are very good too!
bye
Mori kun ha detto…
Very very good sandy yellow my Dear Luca ^^

As always, your job is done with maetria ^^

Serviteur,
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun, your opinion is important!
bye

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…