Passa ai contenuti principali

Jagdpanzer V - Jagdpanther

Nel giugno 1944 l'esercito tedesco mise in linea i primi cacciacarri pesanti Jagdpanther:

Il mezzo univa lo scafo del carro armato Panther al cannone da 88 mm in dotazione al Tiger, e divenne subito uno dei migliori corazzati in dotazione alle Panzertruppen.

La prima azione cui il veicolo prese parte fu la battaglia di Normandia, per poi essere schierato anche sul fronte orientale.
Nonostante il brandeggio limitato del cannone, si rivelò micidiale per i blindati alleati, che potevano distruggere lo Jagdpanther solo a distanza ravvicinata e sparando sui fianchi o sul retro dello scafo, dove la corazzatura era meno spessa.

Il cacciacarri in esame è un modello di metà produzione, come si nota dal cannone in due parti e dal mantelletto imbullonato e non saldato alla casamatta.
Il vero limite del mezzo fu la scarsa quantità di esemplari prodotti: solo 419.
Dopo la guerra, i veicoli superstiti furono assorbiti nelle truppe corazzate francesi.

Il modellino è in plastica, in scala 1/25, ed è prodotto dalla Academy.
I dettagli sono molto buoni e gli incastri precisi.
Ho verniciato il pezzo con vernice spray, dipingendo poi i particolari a pennello.
L'effetto usurato delle marmitte e della volata del cannone si ottiene con il drybrush, mentre una lavatura in colore fumo (verde - marrone) riproduce l'effetto dell'esposizione alle intemperie della corazza.

A presto!

Commenti

András Szilvásy ha detto…
Very nice work. Maybe you should add some weathering to the tracks fixed on the hull too.
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras, i'll take care of it!
bye
j.d ha detto…
Hola Amigo
Gran trabajo si señor
Pero echo de menos uno de esos terrenos que nos tienes acostumbrado con los carros..... no ves nos acostumbras mal jajaja,
UN SALUDO
Fed Zeppelin ha detto…
Documentazione, documentazione ovunque! :D
Bel lavoro Luca
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
you're right, but this time it's too big for a diorama!
thanks again.
bye
luca tempesta ha detto…
...e non ho mica finito!
grazie Fed!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Very nice yellows. Does it mean that this particular tank also saw action in the deserts?
luca tempesta ha detto…
hi FEM!
no, this tank arrived when the Axis had already lost the african territories.
this kind of dark yellow was used as base colour for all the german tanks since mid-1943.
the other two camo colours were green and red-brown, with many different patterns.
you can find them in my other posts about WWII.
thanks for reading!
bye
FourEyedMonster ha detto…
Thanks for the information luca. Although I have read a lot about WW2 since I was a child ... this little fact I did not know. :)

Unless it was autumn, the yellow color would have made it an easy target for the Allied forces ... I think.
luca tempesta ha detto…
hi FEM.
i agree with you that it's a strange camo colour, but checking old photos i saw that it blends well with dust and dry mud, moreover when it's used in combination with green and red-brown blotches and stripes.
don't be afraid to ask more if you want!
bye
aironman ha detto…
me gustan todos tus maquetas
se las ve potentes
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks aironman, you're very kind!
your models are very good too!
bye
Mori kun ha detto…
Very very good sandy yellow my Dear Luca ^^

As always, your job is done with maetria ^^

Serviteur,
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun, your opinion is important!
bye

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!