Passa ai contenuti principali

La battaglia di Midway

Titolo originale: Midway

Anno: 1976

Regia: Jack Smight

Interpreti: Henry Fonda, Robert Mitchum, Glenn Ford, Toshiro Mifune, James Coburn, Pat Morita

Trama:
Dopo la sconfitta subita a Pearl Harbor, le forza navale americana del Pacifico si trova in netta inferiorità nei confronti di quella giapponese.
Mentre i vertici della marina nipponica concertano un nuovo attacco volto al definitivo annientamento dell'avversario, i decrittatori statunitensi riescono a decifrare il codice usato dai giapponesi per le trasmissioni militari e ne approfittano per tendere loro un tranello, con cui determinano che il prossimo obiettivo dell'ammiraglio Yamamoto sarebbe stata la base di Midway.
Annullato l'effetto sorpresa, sarà la marina imperiale a cadere in trappola subendo gravi perdite, sia pure al prezzo del sacrificio di molti militari americani.

Ottimo film che ricostruisce con estrema cura le vicende che portarono alla sconfitta giapponese del 6 giugno 1942. Un cast eccezionale che conferisce un certo spessore ai personaggi e una grande cura dei dettagli ne fanno una fonte di primo livello per gli appassionati di storia militare.

Nella foto: la portaerei Yorktown.
A presto!

Commenti

j.d ha detto…
Hola Amigo
Buena la maqueta
Y buena la historia,la pelicula es una de mis preferidas con tora tora tora
un saludo
Michael Awdry ha detto…
That's an impressive looking model Luca.
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
you're right: they are two great films!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
bella recensione e la portaerei Yotktown è davvero eccezionale.
Il film me lo rivedrei volentieri anche se da quel che ricordo è mooolto lungo.
Alla prossima
Simone
luca tempesta ha detto…
ciao Simone, e grazie dei complimenti!
è vero, il film è lungo, ma ne vale davvero la pena!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Wonderful looking model. I have always wanted to build a ship, two specifically i.e. the Japanese battleship Yamato and the aircraft carrier Enterprise but I know for sure I lack the patience to do it or even the money to purchase them. ^_^ Maybe one day.
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i'm sure you are able to build a ship, and i tell you that this kind of ships are relatively cheap, because they are made of plastic.
i have the yamato, you can find it here:
http://modelstorming.blogspot.it/2010/11/lultimo-baluardo-del-giappone-ijn.html
i would like to have your opinion!
i have the enterprise too, but i still haven't built it.
bye
FourEyedMonster ha detto…
Your version of Yamato looks equally nice! :)

The one I saw was from Tamiya and it was so expensive!!!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
try Hasegawa models: they are much cheaper than Tamiya ones.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
e così anche un'altra canzone dei Sabaton acquisisce un minimo di senso nel mio cervello :P
luca tempesta ha detto…
coraggio Fed!
un raggio di luce alla volta e il buio si dissiperà definitivamente!
ciao

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!