Passa ai contenuti principali

I Sabaton

La band heavy/power metal dei Sabaton nasce nel 1999 a Falun, in Svezia.
Dopo un primo cd, più che altro promozionale, dal titolo Fist for fight, nel 2005 viene finalmente pubblicato il disco Primo victoria, primo vero lavoro del gruppo.

Il tema delle loro canzoni è la storia militare, analizzata dal punto di vista dei singoli partecipanti o come cronaca di grandi battaglie.
Per tale motivo, su ideazione della mia amica Fed, ho realizzato questo modellino che ritrae i componenti del gruppo in viaggio su un Panzer II D.
La strada che stanno seguendo li porterà a Pescara, dove speriamo poterli ascoltare molto presto!
La ricerca storica è al centro della produzione musicale dei Sabaton, che si sono anche avvalsi di un consulente per la realizzazione dell'album Carolus Rex del 2012, con cui hanno vinto il disco di platino in Svezia.
Sono stati la prima band metal svedese a raggiungere tale risultato.
Passiamo ora alla presentazione dei membri del gruppo.
Vediamo per primi i due che sono l'anima della band, nonchè gli autori delle canzoni: il cantante, Joakim Broden (a sinistra), e il bassista e manager Par Sundstrom.
Veniamo ora ai due chitarristi:
a sinistra troviamo Chris Rorland, e, a destra, Thobbe Englund.
In ultimo, ma non per importanza, un primo piano sul batterista: Hannes Van Dahl.
Una piccola curiosità: il termine sabaton (o solleret) indica la scarpa snodata di metallo che forniva protezione ai cavalieri in armatura.

Passiamo ora al lato modellistico.
Tutti i pezzi sono in plastica, in scala 1/35; il carro armato è prodotto dalla Alan e i figurini sono della Dragon.
Anche il cartello stradale è in plastica, proveniente da un vecchio kit Tamiya.
Il mezzo è stato semplicemente dipinto con vernice spray verde, anzichè grigio-blu, con il logo del gruppo sulla torretta e sullo scafo.
I figurini sono stati invece pesantemente modificati:
Come si nota dalla foto precedente, i dettagli delle uniformi sono stati limati con la fresa conica del minitrapano, realizzando poi le lunghe capigliature con lo stucco da muri.
Una volta asciugatosi lo stucco, ho proceduto a ricoprirlo con la colla cianoacrilica (Attak), che ha dato compattezza e ha fornito la base per la colorazione a pennello.
A seguire, le indispensabili lavature di colore e il successivo drybrush, per esaltare gli spessori e i particolari.
Il terreno si ottiene con pasta modellabile Das, su cui si imprimono le tracce dei cingoli e si incollano brecciolino e erba sintetica con colla vinilica Vinavil.
La base è costituita da un semplice tagliere in bambù.

A questo punto non mi resta che ringraziare Fed per avermi fornito tutta la documentazione necessaria.

A presto!

Commenti

Marts Warhammer ha detto…
Very unusual! Nicely done. Makes me want to have a crack at some dia rama!
Fed Zeppelin ha detto…
vabbè, io lo amo questo modellino, ogni volta che lo guardo rido tantissimo... ma mi sa che sono di parte: è anche un po' figlio mio, dopotutto! ;)
luca tempesta ha detto…
many thanks Mart!
i'm sure you would be great in making dioramas!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
sono contento che sia come lo avevi immaginato, e hai ragione: senza la tua idea non esisterebbe!
ciao
Sara ha detto…
Complimenti Luca!
Che mi piace il modellino già lo sai, ma mi piace un sacco anche come lo hai presentato e "spiegato" qui sul blog. Il mio animo compulsivo si congratula con te! :))
luca tempesta ha detto…
Grazie Sara!
nessuno meglio di me può capire il tuo "animo"!
ciao
Anonimo ha detto…
ormai riproduci qualunque cosa.

mi inchino

ciao alessandro
j.d ha detto…
Hola Amigo
En una palabra Magnifico
Se a representado una escena con el grupo,esplendido
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
i had a lot of fun making it.
bye
Phil ha detto…
Nice work, great details!
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil!
FourEyedMonster ha detto…
Definitely a creative use of existing models to depict a music band although I must admit ignorance as to who the band is.
luca tempesta ha detto…
hi FEM, thanks for reading!
you can find their songs on youtube and some notes on wikipedia.
try to listen, you might like them!
bye
Simmy ha detto…
Caro Luca,
complimenti per l'ottima composizione, come sempre un lavoro bello e originale.
Confesso di non conoscere il gruppo, ma cercherò di ascoltare qualcosa e farmene un'idea.
Ciao a presto.
luca tempesta ha detto…
ciao Simmy e grazie dei complimenti!
l'album "Carolus Rex" si occupa della guerra dei trent'anni e dell'impero svedese: te lo consiglio.
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is the #1 FREE mobile communications provider.

Voice, SMS & data plans costing you £0.00/month.

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Panzer VI b - Tigre reale

Prodotto tra il 1944 ed il 1945, il Tigre II (o Tigre B - Sd. Kfz.182) fu la risposta alle richieste del comando tedesco per un carro armato superpesante.
Le foto, scattate nel museo dei corazzati di Bovington (UK), mostrano le due versioni del mezzo in esame.
Le prime due riguardano un esemplare con torretta Porsche e mimetizzazione a 3 toni (giallo-ocra, verde, rosso-marrone).
Dopo solo 50 mezzi prodotti, si decise di cambiare il disegno della torretta in favore di quella progettata dalla Henschel, poichè si temeva che la curvatura inferiore del mantelletto potesse deviare i colpi in arrivo verso la corazza superiore (più sottile) del mezzo. Nella foto seguente si vede un modello dotato della nuova torretta e coperto di zimmerit.
Lo zimmerit era una pasta antimagnetica composta da solfato di bario (40%), polivinilacetato (PVA) per il 25%, pigmento ocra (15%), segatura (10%) e solfito di zinco per il restante 10%, che aveva lo scopo di impedire alle mine magnetiche di aderire al mezz…

Boeing 737-800

La serie 737 rappresenta il più diffuso tipo di aereo passeggeri per tratte medio-brevi in servizio su scala mondiale. La prima serie (737-100) è entrata in produzione nel 1967.
Nelle foto vediamo un modello 737-800 di proprietà della Ryanair, che dispone di circa 300 aerei di questo tipo. Il 737-800 appartiene alla cosiddetta "Next Generation", varata nel 1996, che prevede velivoli più grandi, meno rumorosi e con maggiore ottimizzazione del carburante.
Il velivolo, del costo di 80.8 milioni di dollari americani, è in grado di accogliere fino a 189 passeggeri.
Modello in plastica in scala 1/144 della Revell, interamente dipinto con vernice spray, a parte la linea gialla che si può realizzare a pennello o con un pennarello a vernice.
Buoni gli incastri ed ottime le decals, che offrono la possibilità di realizzare sia la vecchia livrea Ryanair, che quella illustrata, di nuovo tipo.
Il braccio che sostiene l'aereo è un attaccapanni da muro in plastica, forato e fissato al …