Passa ai contenuti principali

Carro armato L6/40

Sviluppato a partire dal modello CV33, il carro leggero L6/40 entrò in linea nel 1939 e fu utilizzato dal Regio Esercito su tutti i teatri operativi del secondo conflitto mondiale.
Dopo l'armistizio i veicoli superstiti furono impiegati dall'esercito tedesco e dalla Repubblica Sociale Italiana con compiti di lotta anti partigiana.

Il veicolo, in effetti, era già obsoleto al momento della sua entrata in servizio: era dotato di un cannoncino da 20 mm, del tutto inefficace sui corazzati avversari, inoltre le piastre dello scafo erano troppo leggere e, in caso di impatto con i proiettili anticarro, i rivetti stessi si trasformavano in altrettante micidiali schegge.
Il mezzo nelle foto sfoggia la colorazione desertica e le insegne dei Lancieri di Novara.

Il modellino è in plastica, prodotto dalla Italeri in scala 1/35 con buoni dettagli e incastri molto precisi.
Dopo la colorazione di base con vernici spray ho proceduto a dipingere i particolari a pennello.
A colori asciutti ho sovrapposto due lavature sul pezzo: la prima in nero, la seconda in colore ocra.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
Mi piace tanto la forma di questo carro.
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que bueno, un gran trabajo
Un saludo
luca tempesta ha detto…
è vero, Fed, ha una forma particolare e il fatto che tu l'apprezzi mi fa piacere, perchè è un altro passo nella storia militare!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
Anonimo ha detto…
gran lavoro come al solito
immagino che questo mezzo servisse a poco, inoltre mi ha colpito il discorso dei rivetti che effettivamente partivano come proiettili verso l'equipaggio interno.
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
è vero, serviva a poco, tanto che lo stesso Rommel si stupì della scarsità dei mezzi italiani.
ciao
Simmy ha detto…
Fantastico modello!
Certo la pochezza dei mezzi italiani fa impressione. Il che sfata l'idea degli italiani "poco coraggiosi" in guerra, ce ne voleva davvero molto per affrontare i carri nemici con questo e un grande spirito di sacrificio.
Complimenti, ciao!
Simmy
luca tempesta ha detto…
grazie Simmy!
è proprio vero: mancò la fortuna, non il valore!
l'arma migliore di noi italiani è sempre stata l'arte di arrangiarci.
ciao

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…