Passa ai contenuti principali

L'assedio di Sebastopoli

Nell'ottobre del 1941 le truppe tedesche hanno quasi completato l'invasione della Crimea.
Solo la piazzaforte di Sebastopoli, con il suo porto fortificato, resiste ancora, e lo farà fino al luglio del 1942.
In queste foto vediamo l'ingresso degli assedianti nella città:
La fanteria, appoggiata da un panzer IV, combatte strada per strada:

Di seguito, alcune viste al livello del terreno:

I soldati esplorano ogni angolo alla ricerca del nemico e sfruttano le macerie come riparo:

Per finire, un primo piano sui mortaisti, che forniscono appoggio ravvicinato all'avanzata:

Diorama in scala 1/35 con tutti gli elementi in plastica.
Il panzer IV (cliccate qui per maggiori dettagli) è della Italeri, i figurini della Tamiya e gli edifici della Miniart.
I marciapiedi sono stati realizzati con la masonite, mentre il piano stradale è un foglio di pasta Das, steso con un mattarello e modellato con uno stencil a rilievo che riproduce i ciottoli.
Le macerie si ottengono con pietre decorative dipinte con vernice spray, successivamente incollate alla superficie del diorama con colla vinilica Vinavil.
I piani intermedi delle case sono stati autocostruiti con polistirene espanso e le travi si ricavano da spiedini per carne in bambù.
Il passaggio finale è costituito dall'incollaggio della sabbia a grana grossa, lasciata cadere liberamente su tutto il diorama, impolverandolo con effetto realistico.
Per la colorazione di fondo ho utilizzato dello spray acrilico in bombola, dipingendo poi i particolari a pennello.
Le solite tecniche di lavatura e drybrush forniscono spessore alle miniature.
La base del diorama è un ripiano girevole in legno prodotto dall'IKEA.

A presto!

Commenti

Anonimo ha detto…
straordinario sembra di vedere un film talmente elevata e' la cura dei particolari.
ciao alessandro
Phil ha detto…
Beautiful pictures!
luca tempesta ha detto…
many thanks Andras!
luca tempesta ha detto…
grazie Ale, sono contento che ti piaccia!
ciao
luca tempesta ha detto…
thanks Phil from me and my wife (she's the photographer)!
bye
Al ha detto…
That's awesome! Highly original
Michael Awdry ha detto…
That's a great piece of work, I especially love the views through the windows - inspirational Luca.
luca tempesta ha detto…
many thanks Al, it was a big project and i'm glad that you like it!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Michael!
my wife is my photographer, i'll tell her that you like her work!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Mart!
bye
Captain LOL ha detto…
Un bel diorama ben pitturato , le foto sono eccellenti , complimenti .
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que buena escena,se nota que os gustan
un saludo
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano, anche da parte di mia moglie: le foto sono sue!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
FourEyedMonster ha detto…
I love this diorama very much ... so many things to look at from so many different angles. Excellent work. Very well planned. ^_^
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i studied much to make it and i'm very happy that you appreciate my work.
bye
Fed Zeppelin ha detto…
è come vedere una scena di Band of Brothers! *__* solo che con l'altro esercito, vabbè, però il concetto è quello! È stupendo!
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
è importante analizzare tutti i punti di vista.
ciao
Simmy ha detto…
BELLISSIMO!!!
Non aggiungo altro, sarebbe superfluo.
Ciao
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie infinite Simone, detto da te è un gran complimento!
ciao
Simmy ha detto…
Grazie a te!
Blogger ha detto…
There is a chance you are qualified to get a $250 Ikea Gift Card.

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!