Passa ai contenuti principali

Quell'ultimo ponte

Titolo originale: A bridge too far

Anno: 1977

Regia: Richard Attenborough

Interpreti: Dirk Bogarde, Michael Caine, Sean Connery, Gene Hackman, Laurence Olivier, Anthony Hopkins, Robert Redford, James Caan

Trama:
Nel tentativo di abbreviare il corso della guerra, gli Alleati lanciano nel 1944 l'ambiziosa operazione Market-Garden, che prevede il lancio di paracadutisti a ridosso dei ponti sulla Mosa per evitare che i soldati tedeschi potessero distruggerli, in modo da farli catturare intatti dalle truppe sopraggiungenti. Subito l'impresa si rivela al di sopra delle possibilità degli Alleati, che, a causa di ritardi, errori tattici e mancanza di informazioni sugli spostamenti avversari, non riescono ad arrivare in tempo per evitare l'accerchiamento dei paracadutisti inglesi ad Arnhem, fallendo, di fatto, lo scopo ultimo dell'operazione.

Eccezionale ricostruzione storica dei fatti, il film (tratto dall'omonimo libro di Cornelius Ryan)narra tutti i retroscena di un'operazione tanto ambiziosa quanto lontana da ogni reale possibilità di successo. I personaggi sono caratterizzati realisticamente in tutta la loro dimensione umana. Ottima la ricostruzione di armi ed equipaggiamento, a parte il solito utilizzo di mezzi americani dipinti con le insegne tedesche al posto degli originali.

Nella foto: una postazione contraerea tedesca.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
già in lista fra i film da vedere, ma questo già lo sai :)
maximex ha detto…
The same situation, scale model and the film.
Both are in the vanguard
luca tempesta ha detto…
many thanks Maximex, i'm glad that you like it!
bye
Phil ha detto…
Nice job on these minis!
FourEyedMonster ha detto…
Love the colours ... nice diorama too. The empty space to the left of the gun is screaming for some allied commandos. But I know it would have made the diorama inaccurate. ^_^
Great ! well painted as usual.
luca tempesta ha detto…
Many tanks Phil!
Sorry for the delate.
luca tempesta ha detto…
Many thanks fem!
You are right, there is too little space.
luca tempesta ha detto…
Many thanks Gilles, you are Very Kind!
Captain LOL ha detto…
La scena é molto realista , un bel lavoro come sempre Luca .
luca tempesta ha detto…
grazie infinite Capitano!
ciao
j.d ha detto…
Hola Amigo
Lo que te digo este no me entro esta entrada,y mira tu que me gusta las escenas que hacéis y como no su historia
un saludo

luca tempesta ha detto…
many thanks j.d, it's always good when you appreciate my work!
this movie is a real classic, i've seen it many times.
bye
Simmy ha detto…
Ciao Luca,
Complimenti, ancora una volta, un'ottima recensione di un grande film, associata ad una tua eccellente realizzazione.
Scusa se non mi faccio vivo da molto.
A presto
Simone

luca tempesta ha detto…
grazie Simmy, e non preoccuparti: tutti abbiamo i nostri impegni!
ciao

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…