Passa ai contenuti principali

Ardenne '44: un inferno

 Titolo originale: Castle Keep

Anno:1969

Regia: Sidney Pollack

Interpreti: Burt Lancaster, Jean-Pierre Aumont, Peter Falk

Trama:
Durante la controffensiva tedesca del 1944 nella foresta delle Ardenne, un gruppo di soldati americani, comandati dal maggiore Falconer, prende posizione all’interno del castello di Maldorais, abitato dall’ultimo conte di un’antica stirpe e da sua moglie Therese. Il castello è pieno di opere d’arte inestimabili, che suscitano l’interesse del solo capitano Beckman, esperto d’arte, mentre gli altri soldati dirigono le proprie attenzioni verso il bordello del vicino paese di Saint Croix, la Regina Rossa. In un’atmosfera sempre più onirica e surreale, resa snervante dall’attesa dell’inevitabile attacco tedesco, il maggiore Falconer seduce Therese, che gli si concede su richiesta del marito, che, impotente, non può generare un erede per perpetrare la casata. Quando l’attacco nemico viene sferrato in forze, ognuno dei protagonisti si trova costretto ad affrontare il proprio destino.

Film di denuncia sull’atrocità della guerra che abbrutisce gli uomini, privandoli di ogni prospettiva futura. La confusione di un fronte non definito e del pericolo che si annida dietro ogni angolo si mescola con il progressivo distacco dalla realtà dei protagonisti. La figura del sergente Rossi (Peter Falk), che disdegna il bordello per mettersi a lavorare come fornaio al fianco di una vedova di Saint Croix, simboleggia il desiderio irrefrenabile di fuggire da una morte incomprensibile e tornare alla propria dimensione umana, così comune nei soldati di tutti gli eserciti in tutte le guerre.

Nella foto: un carro armato Tigre II.

A presto!

Commenti

Anonimo ha detto…
veramente bello
sei un maestro
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
mi sa che anche questo tocca studiarlo! :)
luca tempesta ha detto…
ciao Fed!
sì, dovrai vederlo, ma solo dopo quelli che ti ho già dato: questo film punta tutto sulla psicologia dei personaggi, non sulla storia della II GM.
ciao
j.d ha detto…
Hola Amigo
Me gusta mucho,como siempre unas buenas escenas y tu toque con la historia,bravo
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
i'm always happy that you like my posts!
bye
Ptr ha detto…
Molto bello work.I pittura come la porche - torretta e espicially le uniformi zimmerit.The dell'equipaggio sono anche molto bello . :) / Peter
luca tempesta ha detto…
many thanks Peter, you are very kind!
bye
FourEyedMonster ha detto…
I used to love watching WW2 movies but nowadays they are no longer very popular the last few of note being Saving Private Ryan and Letters from Iwo Jima. Band of Brothers was ok but it was TV and for some reason I never got into The Pacific.
luca tempesta ha detto…
hi FEM, you're right, there are no new war movies since some times. the movies in my blog are very old, but they are still effective, i think you could like some of them, and you should see "the pacific", because it's very good.
let me know.
bye
Simmy ha detto…
Me lo ricordo, bel film.
Fantastico modello, ancora una volta complimenti.
Ciao
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie dei complimenti Simone!
è vero, è un bel film, unico sotto certi aspetti.
ciao
Blogger ha detto…
FreedomPop is UK's only COMPLETELY FREE mobile communications provider.

With voice, text & data plans priced at £0.00/month (ABSOLUTELY FREE).
Blogger ha detto…
New Diet Taps into Pioneering Plan to Help Dieters Lose 20 Pounds within Just 21 Days!

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!