Passa ai contenuti principali

Un grande coraggio (Prussia 1945)

Durante l'ultimo anno di guerra la pressione sovietica sui confini orientali del Terzo Reich si fece inarrestabile.
Consci del destino che li attendeva in caso di cattura, civili e militari tedeschi cercarono di spostarsi a ovest per arrendersi agli anglo-americani.
La loro ritirata fu coperta dalla coraggiosa azione di alcune formazioni della Wehrmacht e delle SS, che contrattaccarono per rallentare l'avanzata del nemico.

In queste immagini vediamo alcuni militari delle SS che, affiancati da un cacciacarri Stug III, marciano lungo una strada fangosa della Prussia orientale, nel gennaio del 1945.
La strada è un fiume di fango, gelato dal clima rigido, mentre la campagna circostante è coperta di neve.

Lo Stug III mostra lo schema mimetico invernale, costituito da vernice bianca acrilica o calce diluita con acqua, destinato a sciogliersi con la pioggia invernale, facendo tornare in superficie il colore estivo con l'arrivo della primavera.
I soldati indossano il giaccone imbottito chiuso sul davanti, in dotazione alle sole truppe delle SS, inoltre due di loro hanno dei pantaloni mimetici.
Il mitragliere porta a spalla una MG 42 e il soldato nell'ultima foto ha un'arma controcarri monouso Panzerfaust.

Tutti i pezzi del diorama sono in plastica, prodotti dalla Dragon in scala 1/35.
Il colore di base del mezzo è stato steso con vernice spray, riservando i pennelli per la colorazione dei dettagli e dei figurini.
La base in legno è stata coperta con pasta modellabile Das, su cui ho premuto i cingoli del cacciacarri per riprodurne le tracce.
La colorazione, realizzata con spray acrilico in due toni di marrone, è stata rifinita con un trasparente lucido che simula la superficie bagnata.
Ho realizzato la neve stendendo della vernice a spessore a grana grossa con una spatola.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
Massive! Awesome attention to detail
Hello Luca
Good work as usual and nice painting, your dioramas is great
Anonimo ha detto…
ciao luca
grande lavoro
ho osservato attentamente quanto hai realizzato. Il Fango e laneve rientrano nei diorami che sto curando in questo momento.
una domanda: come mai la scelta della venice grana grossa per la neve al posto di altre soluzioni (da verificare) tipo bicarbonato?
Ora scrivo i tre numeri per dimostrare che non sono un robot del cazzo.
alessandro
luca tempesta ha detto…
many thanks Al, i'm glad that you like it!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles, you're very kind!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Ale!
anche il bicarbonato è una tecnica valida, ma la vernice è più gestibile e non richiede il doppio passaggio colla-polvere.
fammi sapere se ti serve altro.
ciao

PS non arrabbiarti con il sistema di controllo: fa solo il suo dovere!
Captain LOL ha detto…
Bellissimo Luca i soldati danno il movimento alla scena . Complimenti .
maximex ha detto…
A very natural view.
In particular, the muddy road and soldiers clothing
Chalk mixture was easy to wash off ...
Terence ha detto…
Come sempre senza parole per la cura di quei dettagli dai quali si evince contesto storico di cui si tratta. Alcuni sono davvero eccezionali per la ricerca che inevitabilmente presuppongono ancor più che per la (perfetta) realizzazione.
luca tempesta ha detto…
molte grazie Capitano!
ciao
luca tempesta ha detto…
yes indeed Maximex!
i'm glad that you like it.
bye
luca tempesta ha detto…
grazie infinite Terence!
sono contento che apprezzi la ricerca storica che sta dietro la realizzazione.
ciao
Fed Zeppelin ha detto…
l'effetto neve e l'effetto fango sono splendidi!
E penso che in futuro qualche notizia in più sul panzerfaust mi servirà :)
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
tutte le notizie che vuoi sono a disposizione.
ciao
FourEyedMonster ha detto…
An interesting snapshot of history ... good work luca. Seeing that they are not injured or dirty, I am guessing this is still an orderly retreat.
j.d ha detto…
Hola Amigo
Buena muy buena escena
Me gusta
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i imagined them as the last soldiers who are going to fight the Red Army, in order to cover the retreat of their comrades.
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
Max Rhanarion ha detto…
Great Job Luca :)
luca tempesta ha detto…
many thanks Max!
bye
Mori kun ha detto…
Excellent diorama my Dear Luca !! ^^

The water effect gives a little more realistic touch !!

Good job as always ^^

Serviteur,
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun!
i didn't use any special modelling product, so i'm very happy with the result.
bye
Marts Warhammer ha detto…
I dont use blogger so much these days..... But when i do log on your blog it never disapoints! Good work!
luca tempesta ha detto…
many thanks Mart, and good luck for your shop!
bye
Simmy ha detto…
Opera eccellente come sempre.
Bravo Luca!
Ciao a presto
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie Simone, gentile come sempre!

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…