Passa ai contenuti principali

Il Bf-109 di Franz Stigler

Il 20 dicembre 1943 un B-17 americano, chiamato "Ye Olde Pub", sta tentando disperatamente di tornare in Inghilterra dopo aver subito enormi danni durante una missione di bombardamento sulla Germania.
Franz Stigler, pilota di caccia e asso della Luftwaffe, nota l'aereo nemico e si alza subito in volo con il suo Bf-109 per abbatterlo.

Il pilota tedesco non ha difficoltà a raggiungere il bombardiere americano, ma, una volta affiancatolo, si accorge delle condizioni dell'aereo e del suo equipaggio: la coda è semi distrutta e la postazione del mitragliere è mancante,  un motore è fermo e un altro funziona a singhiozzo, la fusoliera è stata sventrata. E' proprio attraverso lo squarcio che Franz vede gli avieri feriti che cercano di aiutarsi l'un l'altro, mentre i due piloti si accorgono con orrore di essere in balia del nemico.
Rinunciando ad una facile 23° vittoria che gli avrebbe garantito la Croce di Ferro, e rischiando la fucilazione per l'accusa di tradimento, Franz Stigler scorta l'aereo nemico fino a fargli superare gli sbarramenti della contraerea, per poi tentare di indirizzarlo verso la vicina, e neutrale, Svezia.
Ancora incredulo, il comandante americano, Charles "Charlie" Brown, decide invece di dirigersi verso la propria base di partenza in Inghilterra e, dopo un ultimo saluto, la sua insolita scorta si allontana.
Il B-17 riesce a rientrare e ad atterrare su suolo inglese, ma l'intera faccenda viene messa a tacere dai servizi segreti, per evitare di umanizzare troppo il nemico, riducendo la volontà di combattere degli equipaggi.
I due piloti sopravvivono entrambi alla guerra, per incontrarsi 50 anni dopo negli Stati Uniti.
La vicenda è stata narrata nel libro "A higher call" di Adam Makos e nella canzone "No bullets fly" dei Sabaton.

Il modellino è in metallo, in scala 1/72 ed era allegato al primo numero della serie di libri "Gli aerei degli assi" della Osprey, pubblicato in Italia dalla Del Prado.
La colorazione è stata modificata con un fondo spray grigio su cui ho dipinto lo schema mimetico e gli stemmi interamente a pennello, non avendo a disposizione le decals necessarie.
Una leggera lavatura in colore nero completa l'effetto.

A presto!

Commenti

Fed Zeppelin ha detto…
amo questa storia, amo questo modellino e la resa che gli hai dato è stupefacente!
e anche lui ti manda i suoi saluti dalla sua postazione provvisoria sullo scaffale alle mie spalle. :)
Fed Zeppelin ha detto…
grazie a te! :)
Al ha detto…
Stunning paint work
luca tempesta ha detto…
many thanks Al, i'm glad that you like it!
bye
aironman ha detto…
Hola
Perdon por no comentar mas,el papa me tiene estudiando,pero me enseña todo lo que pones.
Me gusta el avion
un saludo
y a pasar buenas fiestas
j.d ha detto…
Hola Amigo
Magnifico trabajo
Y ese camuflaje muy bueno
un saludo
FourEyedMonster ha detto…
Great work on the model and an even better background story.
Michael Awdry ha detto…
Lovely work Luca and a really interesting camouflage pattern,
luca tempesta ha detto…
thanks aironman!
don't worry, i'm always happy when you leave a comment.
happy holidays!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i heard about the story in a song, then my friend Fed lent me the book with full facts and i was almost obliged to make this model!
bye
luca tempesta ha detto…
thanks Michael!
this camo was used during the last part of WWII.
bye

Post popolari in questo blog

Gouged Eye blood bowl team

La squadra dei Gouged Eye è pronta a scendere in campo:
vediamo alcuni dei ruoli, di seguito il Thrower e un Goblin:

qui il Blocker e il Blitzer:

due linemen:

e, per finire, il Troll:


Tutti i figurini, tranne il Goblin, sono in plastica, prodotti dalla Games Workshop in scala 28mm.
Ho lavorato con i colori Citadel su un fondo primer colorato della stessa marca, usando il blu per il troll e il bianco per tutti gli altri.
La base è stata decorata con colla vinilica e erba elettrostatica.

A presto!

Lo sbarco in Normandia

Il 6 giugno 1944 lo SHAEF, il comando supremo delle forze di spedizione alleate, giocava la sua carta più rischiosa: l'operazione Overlord, ovvero la più grande operazione anfibia della storia.
Il tentativo effettuato due anni prima a Dieppe aveva dolorosamente insegnato che non era possibile prendere un porto nemico pesantemente fortificato, quindi si optò per la creazione di un'ampia testa di ponte, su cui poi si sarebbero creati dei porti con il rivoluzionario sistema di pontoni galleggianti Mulberry.
Dwight David Eisenhower, capo supremo dell'esercito alleato, aveva già preparato un messaggio da consegnare alla stampa in caso di fallimento, accollandosene tutta la responsabilità.
In queste immagini vediamo gli uomini della 29° divisione di fanteria USA che abbandonano il loro mezzo da sbarco (LCVP) e si lanciano sulla spiaggia francese, pesantemente difesa dai soldati tedeschi.
Alcuni di loro indossano un bracciale colorato che agisce da rilevatore di gas venefici, ca…

Elementi scenici per warhammer 40k

Ho realizzato una piattaforma di atterraggio e un generatore di energia da utilizzare sul tavolo da gioco:
Il generatore è costituito da una scatola di derivazione in plastica trattata con un fondo spray nero e, successivamente, con vernice ad effetto martellato:
La piattaforma di atterraggio è costituita da un ripiano in legno da 5 mm di spessore con tubi di cartone come pilastri. Il tutto è stato ricoperto con parti ritagliate da un foglio di alluminio da rivestimento.
L'alluminio è stato incollato ai supporti con colla per metallo.

A presto!