Passa ai contenuti principali

Sicilia 1943

Al vacillare della situazione interna italiana a seguito delle sconfitte subite nella prima fase della seconda guerra mondiale, l'esercito tedesco inviò in Italia diversi contingenti per affiancare il Regio Esercito ed intervenire nel caso di defezione dell'alleato.
Di seguito vediamo due soldati della Wehrmacht che manovrano una MG34 in funzione contraerea durante le operazioni dell'estate 1943 in Sicilia:

A causa dell'alta temperatura, i due soldati si sono tolti la giacca della divisa.
A terra si distinguono i caricatori a tamburo di ricambio e il contenitore con le canne per la MG34. 
Un piccolo muretto di pietre a secco e alcune piante di fico d'india fanno da sfondo alla postazione.
Di seguito vediamo i primi piani dei protagonisti:
Diorama in resina in scala 1/35 con figurini in plastica della Dragon.
La base è stata dipinta con un primer nero spray su cui ho applicato un drybrush in colore grigio per il muretto e ocra per il terreno; tutti gli elementi sono stati poi completati con una lavatura in colore marrone.
I figurini sono stati dipinti a pennello, con successive lavature in colore marrone per l'incarnato e nero per le altre parti; il drybrush sugli stivali è stato realizzato nello stesso colore del terreno, per simulare la polvere depositatasi durante la marcia.
La scenetta è stata infine incollata su un sottobicchiere in bambù munito di feltrini di appoggio.

A presto!

Commenti

maximex ha detto…
Oh, gosh.
What I can, or can not say, all of this.
Perfect!
Stunning natural colors,
terrain, station, and both "six pack" men
Fed Zeppelin ha detto…
il modo in cui riesci a rendere perfettamente l'ambientazione usando semplicemente un paio di elementi è incredibile!
Bellissimo!
Terence ha detto…
...i bulloni del treppiedi, la polvere sugli stivali, gli occhiali di uno dei soldati...come sempre sono i tuoi dettagli a fare la differenza!
Great dioramas as usual
I did not know that cactus exist in Sicily...
Anonimo ha detto…
stupendo
dai figurini all'ambientazione
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
hi Maximex!
i'm really moved by your judgement, many thanks!
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
in fondo, è quello che si fa anche nei fumetti, quando in una vignetta si racchiude un mondo!
ciao
luca tempesta ha detto…
grazie Terence, sono davvero contento che ti piaccia!
luca tempesta ha detto…
many thanks Gilles!
actually, they are prickly pears, and some plants are also near my house in central Italy.
bye
luca tempesta ha detto…
grazie Ale, come sempre!
ciao
j.d ha detto…
Hola Amigo
Que buena escena si señor
Muy bien conseguido ese movimiento de las figuras
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
Al ha detto…
Very nice, the poses are very animated
luca tempesta ha detto…
many thanks Al!
Phil ha detto…
Great job, look splendid and realistic!
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil, you're very kind!
Captain LOL ha detto…
Bellissimo Luca , anche io o questi du personaggi su un treno che non o mai fatto ma chissà un giorno .. ;)
Mori kun ha detto…
Very good job as always my Dear Luca ^^

But your sandy scheme is still awesome !! I really love how you can give the impression of a very hot ambiant on your dioramas like this !!

Well done !

Serviteur,
luca tempesta ha detto…
grazie capitano!
spero di vedere presto gli stessi figurini fatti da te!
ciao
luca tempesta ha detto…
many thanks Morikun!
you are really very kind!
i used drybrush with three shades of color to paint the terrain and i'm happy that you appreciate it.
bye
FourEyedMonster ha detto…
Great work luca ... a nice little diorama piece. It looks like they have just arrived in the desert and they have yet to get sunburned. Again, very nice!
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
in fact climatic conditions in Sicily during summer are not very different from the ones in north Africa.
bye
Simmy ha detto…
Caro Luca,
di bene in meglio!
Ancora un grande diorama.
Complimenti per la passione con cui realizzi le tue opere e un saluto
Simone
luca tempesta ha detto…
grazie infinite Simone!
ciao
Gino Patricolo ha detto…
Ottimo lavoro Luca, sia i personaggi che l'ambientazione! Mi ha fatto subito venire in mente la mia terra. And yes, cactus exist in Sicily :)

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…