Passa ai contenuti principali

Il convoglio

Nonostante l'alto livello di meccanizzazione l'esercito tedesco continuò ad utilizzare i cavalli per tutta la seconda guerra mondiale:

In queste immagini vediamo un convoglio di carri che marcia su una strada di montagna italiana nel 1944.
Apre la colonna un veicolo che trasporta equipaggiamenti vari:
Segue un'ambulanza:
Chiude la fila una cucina da campo:

I soldati sembrano abbastanza rilassati, e uno di loro approfitta del lento avanzare dei cavalli per dare un'occhiata al panorama:
Diorama in scala 1/35 con veicoli e figurini in plastica.
I primi due carri fanno parte di un unico kit della Italeri, la cucina da campo è della Tamiya.
Essendo le stampate molto vecchie, è necessario un buon lavoro di pulizia e stuccatura dei pezzi, che, inoltre, presentano la difficoltà di dover ricavare le redini (e, per il modello Tamiya, anche i finimenti) da un foglio di plastica incluso nelle confezioni.
Al solito, sono ricorso alla vernice spray per il colore di fondo dei carri, riservando i pennelli per la colorazione dei dettagli e concludendo il lavoro con lavature e drybrush, indispensabili per esaltare gli spessori e fornire l'aspetto impolverato e usurato ai mezzi.
Il terreno è stato riprodotto incollando su una base di legno due fogli di polistirolo, su cui ho inciso i dislivelli con un saldatore elettrico.
La colla vinilica (Vinavil) è stata utile per incollare pietrisco ed erba da presepe.
I bordi sono stati ricoperti con nastro adesivo bituminoso, solitamente utilizzato per la riparazione di tetti e grondaie.

A presto!

Commenti

d3dgarage ha detto…
Molto bello ed elaborato,come tutti gli altri tuoi lavori.anche la ricerca storica e filmografia è notevole.complimenti
luca tempesta ha detto…
molte grazie d3d, sono contento che apprezzi!
ciao
Captain LOL ha detto…
BellissimoLuca l'effet di movimento é li ! Mi piace questa scena . Complimenti .
luca tempesta ha detto…
grazie Capitano!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Guauuuu que buen diorama si señor
un saludo
Phil ha detto…
That's really, really nice! Great job!
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks Phil, you're very kind!
Fed Zeppelin ha detto…
è bellissimo! Mi piace molto la resa del carro e comincio a pensare che i modelli 'su strada' siano i miei preferiti
luca tempesta ha detto…
grazie Fed!
è vero, questo tipo di diorama ha un fascino tutto particolare.
RMacedo NoVember ha detto…
Bellissimo diorama! Saluti dal Portogallo :)
luca tempesta ha detto…
grazie RMacedo e benvenuto sul mio blog!
ciao
FourEyedMonster ha detto…
Nice job luca! :) Do you eventually encase them in clear plastic cases for display?
luca tempesta ha detto…
many thanks FEM!
i made some cases for some of my dioramas.
if you are interested, you can find some here: http://modelstorming.blogspot.it/2012/03/teche-per-diorami.html
bye

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…