Passa ai contenuti principali

I Guerrieri


Titolo originale: Kelly's Heroes

Anno: 1970

Regia: Brian G. Hutton

Interpreti: Clint Eastwood, Telly Savalas, Donald Sutherland

Trama:
Francia, 1944. Il soldato Kelly (Clint Eastwood), in un'incursione dietro le linee nemiche, rapisce un colonnello tedesco, da cui apprende della presenza in una banca di Clermont-Ferrand di un carico di lingotti d'oro per un valore di 16 milioni di dollari. Subito parte l'organizzazione della rapina, vista come un risarcimento per i tanti rischi corsi a causa di superiori troppo spesso inetti.La località è dietro le linee tedesche, quindi Kelly coinvolge l'unità del sergente Big Joe (Telly Savalas), che, dapprima riluttante, si lascia poi convincere, e un gruppo di carristi alquanto sui generis, comandato dal sergente Testa matta (Donald Sutherland), una sorta di hippie ante litteram. L'operazione prende il via, ma l'ostacolo più grosso risultano essere 3 carri Tigre posti di guardia alla banca. Eliminati due dei mezzi, Kelly, Big Joe e Testa matta, in un'epica sequenza in puro stile western, affrontano il mezzo superstite, convincendone il comandante a passare dalla loro parte. Il tutto si conclude con un trionfo per il generale Colt, che si prenderà il merito di aver sfondato il fronte, e per i protagonisti, che riusciranno a tenersi i lingotti.

Ottimo film di avventura a sfondo bellico, che inquadra perfettamente lo storico malcontento della truppa per la cattiva gestione da parte di comandanti incapaci e superficiali. L'atmosfera e il tema musicale portante ricordano molto il film western Il buono, il brutto, il cattivo, con la scena del confronto tra il carro armato tedesco e i tre protagonisti che ne è quasi una parodia. Da notare che al posto di veri carri Tigre sono stati utilizzati dei T-34 con una falsa sovrastruttura.

Nella foto: un carro armato Tigre.

A presto!

Commenti

j.d ha detto…
Hola amigo
Que bueno
Yo hice uno de estos para un amigo,en Rusia
un saludo
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d and good choice, it was a great tank!
bye
Fed Zeppelin ha detto…
e mi sa che mi tocca vedere anche questo! appena riuscirò a liberarmi un po' mi devo prendere una settimana solo per vedere film!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Un Inciso y a lo mejor ya la as visto
la película nueva de corazones de acero
como mola la escena del tiger,la e visto este finde semana y me a encantado,si no la as vito échale un vistazo
un saludo
luca tempesta ha detto…
hi j.d, i'm very happy to have suggested to you this movie and that you liked it!
you're right: the scene with the tiger is absolutely great!
bye
FourEyedMonster ha detto…
When I was very young, I loved the Tiger but as I got older I started to appreciate the T-34. Nice work! :)
luca tempesta ha detto…
T-34 is a great tank too!
many thanks FEM!
Blogger ha detto…
New Diet Taps into Pioneering Idea to Help Dieters Get Rid Of 15 Pounds within Just 21 Days!

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…