Passa ai contenuti principali

L'armata del deserto

L'impegno italiano in Africa del nord fu sostenuto soprattutto dalla forza di volontà dei nostri soldati, costretti a combattere in un ambiente ostile con mezzi ed equipaggiamenti spesso inadeguati.

In queste immagini vediamo un gruppo eterogeneo di soldati che si appresta ad aggredire il nemico con l'appoggio di un semovente M40.
Basato sullo scafo del carro leggero M13/40, fu praticamente l'unico mezzo a disposizione del Regio Esercito in grado di contrastare i carri armati Matilda con il pezzo da 75/18 con cui era armato, rappresentando, al tempo stesso, un difficile bersaglio, a causa della bassa sagoma.
Di seguito vediamo due carristi che indossano il giaccone protettivo in pelle, con elmetto antiurto e occhialoni per la polvere:
Passiamo ora alla truppa, con una foto del paracadutista, armato di MAB 38:
La squadra di mitraglieri, armata con una Breda 30 e una carabina Carcano 91/38, appartiene all'arma dei Bersaglieri, i cui fanti sfoggiano l'inconfondibile ornamento in piume di gallo cedrone sopra il casco coloniale:
Per finire, passiamo all'ufficiale, che indossa il berretto con visiera, che sostituiva la bustina d'ordinanza per l'uniforme coloniale, e dei sandali al posto degli scarponi in cuoio:
Diorama in scala 1/35 in plastica, con figurini Dragon e mezzo Italeri.
La colorazione di base del semovente è stata realizzata con vernice spray, completando i particolari a pennello; le ombreggiature sono il risultato di una lavatura in colore nero, mentre con la stessa tecnica, ma con colore sabbia, si ottiene l'invecchiamento dei cingoli.
I figurini sono interamente dipinti a pennello, con lavature in nero e marrone, oltre ad un drybrush generale in color sabbia.
La base è un tagliere in legno su cui sono stati incollati, con colla vinilica Vinavil, dei pezzi di pasta Das con cui ho realizzato i rilievi e le tracce dei cingoli; uno strato di brecciolino completa l'effetto.

A presto!

Commenti

Superbe dioramas comme d'habitude.
Une peinture propre avec des détails, j'aime beaucoup le char et la texture du sol.

Bon travail.
RMacedo NoVember ha detto…
Bravo, great work!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Gilles!
luca tempesta ha detto…
Thank you RMacedo, you are very kind!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Magnifica escena,con un gran movimiento as creado con las figuras
Siempre me encanto las escenas y vehículos del africa
un saludo
maximex ha detto…
Hello,
A fine job once again
Very good colors and finishes
The four lower images show its this all...
luca tempesta ha detto…
many thanks j.d!
in fact, it's a very peculiar scenery!
bye
luca tempesta ha detto…
many thanks maximex from me and my wife, who made the photos!
bye
Al ha detto…
Nice, lovely detail on the figures Luca
luca tempesta ha detto…
Many thanks Al, i'm glad that you like it!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Al, i'm glad that you like it!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Al, i'm glad that you like it!
Fed Zeppelin ha detto…
bellissimo come sempre!
luca tempesta ha detto…
Grazie Fed!
Ptr ha detto…
Very nice diorama.I think the poses of the figures are great and also the paintwork.The scenery tells a story and this is very interessting with so few details.Great work!!! Ciao.
luca tempesta ha detto…
many thanks Ptr!
i'm really happy that you appreciated my job!
bye
FourEyedMonster ha detto…
I love the colour you painted on the hull. May I ask what paint did you use?
luca tempesta ha detto…
Hi FEM!
i used acrilic spray RAL1001. i use it for all the axis tanks.
If you need more info, just ask!
bye
Anonimo ha detto…
ok giovane
ciao alessandro
luca tempesta ha detto…
Grazie Alessandro!
Mori kun ha detto…
Good job as always my Dear Luca !!

Your sandy Sceme is absolutely astonishing !! Oo

Your diorama gives a very good impression of heat !! ^^

Serviteur,
luca tempesta ha detto…
Many thanks Morikun!
I'm really happy that you appreciate my effort!
Gino Patricolo ha detto…
Bel diorama Luca, ben fatto e ben studiato nei movimenti e nell'ambientazione! Notevole anche l'articolo del post!

Post popolari in questo blog

Ottobre Rosso

Base navale di Poliyarny, a nord di Murmansk: il nuovo sommergibile sovietico Ottobre Rosso, dotato di propulsione silenzionsa "Caterpillar", si appresta a partire sotto il comando di Marco Ramius...
Direttamente dall'omonimo film, il modello in scala 1.350 (plastica, Italeri) del sommergibile missilistico nucleare sovietico classe Tifone:

Circa 200 uomini d'equipaggio, 8 tubi lanciasiluri da 533 mm a prua, 2 reattori nucleari per la propulsione e 24 pozzi di lancio per altrettanti missili balistici nucleari a rientro multiplo (MIRV) fanno di questo sottomarino un'arma quanto mai temibile. Nelle foto precedenti si notano due dei pozzi dei missili aperti e pronti per il lancio.
Nelle foto dalla poppa, si notano le linee sinuose e perfettamente raccordate dello scafo costruito interamente in titanio, con tutti i problemi di saldatura del caso.
Durante la Guerra Fredda, questo mezzo fu sviluppato appositamente per viaggiare sotto la calotta artica, emergere dal ghia…

Teche per diorami

Ok, abbiamo finito il nostro diorama, quindi, dopo avergli trovato un posto dove poggiarlo per ammirarlo in tutta comodità, sorge un problema: come proteggerlo dalla polvere?
La soluzione più dispendiosa è senza dubbio farsi realizzare una teca in vetro o plexiglass su misura, ma io preferisco operare in proprio.
Vi propongo alcune idee.
Partiamo da questo diorama warhammer fantasy, la cui copertura è realizzata con fogli di vetro sintetico da 4 mm di spessore:
Il materiale non costa poco ed è difficile da tagliare, ma è abbastanza rigido da sopportare il suo stesso peso anche per grandi dimensioni, come in questo caso.
Di seguito una variante realizzata con lo stesso tipo di plexiglass e adatta per modellini lunghi e stretti, come questo cannone ferroviario:
Il disegno triangolare consente di risparmiare sul materiale, dato che si può fare a meno del pannello per il tetto; il nastro di fissaggio è del tipo trasparente extra-forte, mentre alcuni gommini trasparenti adesivi posti ai l…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…