Passa ai contenuti principali

F5 Tiger II

Nato come addestratore biposto nella prima metà degli anni '60, il modello F5A Freedom Fighter vide il primo incarico operativo durante la guerra del Vietnam, quando una dozzina di esemplari furono schierati a Bien Hoa (operazione Skoshi Tiger).

Progettato per l'attacco al suolo, il velivolo aveva, però, scarsa autonomia e limitata capacità di combattimento aria-aria.
Analizzando i risultati dell'operazione Skoshi Tiger, la Northrop, produttrice dell'F5A, ne modificò il progetto annullandone i difetti: nacque così l'F5 Tiger II.

Il piccolo caccia è stato prodotto in circa 1500 esemplari ed è tuttora impiegato da vari Paesi, tra cui la Svizzera, come vediamo dall'esemplare nelle foto.
Negli Stati Uniti l'F5 viene utilizzato nel ruolo di caccia nemico durante l'addestramento dei piloti militari.
Il modellino è in plastica, in scala 1/72.
L'ho recuperato in un mercatino, parzialmente assemblato e con varie parti mancanti; gli ho adattato un nuovo cupolino e ho ricostruito le rampe dei Sidewinder e il muso.
La colorazione è stata realizzata con vernici spray, dipingendo poi la mimetica e i particolari a pennello.
Le decals sono state recuperate da un'altra scatola di montaggio.
Non ho applicato lavature.

A presto!

Commenti

Al ha detto…
That's a very tidy model
maximex ha detto…
Hi.
Fine, the old machine
and :) little rare IDs.
The machine, which is still in use many countries
luca tempesta ha detto…
Thanks Maximex!
j.d ha detto…
Hola Amigo
Buena pieza nos traes hoy
Y interesante la historia del aparato
un saludo
luca tempesta ha detto…
Many thanks J.d!
FourEyedMonster ha detto…
When I was very young (about 10 I think) I got myself a F4 Phantom. But back then, I had no one to help me understand the hobby and I wrongly tried to use UHU glue to assemble the model with horrible results. It was to be 30 years later before I overcame my bad experience and started to work with miniatures again.
luca tempesta ha detto…
Hi Fem, i know what you mean, it happened the same for me.
The most important thing is that we are modellers at last!

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…