Passa ai contenuti principali

I due alleati

L'Afrika korps fu costituito ad hoc per affiancare le truppe italiane impegnate in terra d'Africa e in evidente difficoltà nel confronto con gli inglesi.
Generalmente dotati di migliori mezzi, i soldati tedeschi fecero volgere la situazione in favore dell'Asse.
Pochi erano i veicoli italiani all'altezza delle necessità operative.
Uno di questi era la camionetta AS 42 Sahariana.
Entrata in servizio nel dicembre 1942, la camionetta blindata prodotta dalla FIAT - SPA (o SPA - Viberti) diede ottima prova di sè nei deserti africani, restando poi in servizio con la Polizia di Stato italiana fino al 1951.
Il veicolo fu concepito in funzione esplorativa e di contrasto ai reparti inglesi di ricognizione e incursione a lungo raggio.

Il mezzo nelle foto è equipaggiato con un pezzo da 20mm a tiro rapido e una mitragliatrice, entrambi prodotti dalla Breda.Sulle fiancate e sul muso si distinguono le innumerevoli taniche per il carburante e l'acqua, oltre a due piastre forate anti insabbiamento.

Attorno alla camionetta vediamo alcuni soldati italiani e tedeschi.
Mentre i  due ufficiali discutono a proposito della strada da seguire, la squadra di mitraglieri procede lungo il sentiero.
Gli italiani indossano l'uniforme coloniale in colore sabbia - ocra, mentre è evidente la varietà di colori nelle uniformi tedesche, che, prodotte inizialmente in tessuto verde oliva, furono distribuite in seguito anche in una colorazione più tendente al kaki, ma furono soprattutto l'usura e l'esposizione al sole a creare una vasta gamma di sfumature.

Diorama in scala 1/35 con tutti i pezzi in plastica; il veicolo e l'equipaggio sono della Italeri, i soldati dell'Afrika Korps sono della Tristar.
Il procedimento di colorazione è sempre lo stesso: vernice spray per il colore di base, con tutti i particolari dipinti a pennello; le successive lavature e il drybrush finale completano l'opera.
La base è costituita da un tagliere in legno su cui ho steso una piccola quantità di pasta modellabile Das per movimentare il terreno e imprimervi le tracce degli pneumatici.
La sabbia e la ghiaia, con un pizzico di erba sintetica da presepe, sono state incollate con colla vinilica Vinavil.

A presto!

Commenti

luca tempesta ha detto…
Many thanks Andras!
maximex ha detto…
Wonderful, like as natural, or film ...
Autoblinda is armed with "until high the roof"
luca tempesta ha detto…
Many thanks Maximex, i'm glad you like it!
Al ha detto…
Just awesome Luca! Super detail mate
luca tempesta ha detto…
Many thanks Al, you're very kind!
Jose Daniel M.L. ha detto…
Hola Amigo
Que bueno me encanta,y muy bien contado su historia
Las escenas del Africa son las que mas me gustan,a un que mucha gente diga que son las mas sosas,a mi me encantan las maquinas de esa zona
un saludo
luca tempesta ha detto…
Many thanks j.d!
i agree the african front is really fascinating!
bye
RMacedo NoVember ha detto…
Meraviglioso lavoro, mi piace moltissimo!
luca tempesta ha detto…
Grazie infinite RMacedo!
Gino Patricolo ha detto…
Caro Luca, anche questo è un diorama molto ispirato! Mi fa sempre piacere leggere e ammirare i tuoi post e i tuoi modelli: una piccola e affascinante finestra sulla storia.
luca tempesta ha detto…
grazie Gino, sono davvero onorato da questo tuo giudizio e sono molto contento che apprezzi i miei lavori!
ciao
Brauwan ha detto…
Hi Lucas,
I often saw you on Morikun's temple but I didn't knew you had a blog too !
These are very nice, that changes from fantasy miniatures ;)
Another beautiful dioramas.
Good work !
luca tempesta ha detto…
Many thanks Brauwan and welcome to my blog!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Gilles!
Terence ha detto…
Come al solito realizzazione incredibile!
luca tempesta ha detto…
Grazie infinite Terence!
Phil ha detto…
A great looking vignette, splendid job!
luca tempesta ha detto…
Many thanks Phil!
Fed Zeppelin ha detto…
come sempre, la cosa che mi piace di più in questi diorama, è l'atteggiamento 'naturale' delle miniature, sembra di assistere a una vera e prorpia scena di vita quotidiana in guerra.
luca tempesta ha detto…
Grazie Fed!
FourEyedMonster ha detto…
Yet another great diorama luca. Well done. Not only are the colours well suited to the subject matter but I also love the way you arrange the various figures.
luca tempesta ha detto…
Many thanks Fem, i'm always happy that you appreciate my efforts!
Mori kun ha detto…
I'm always flabbergasted by your sandy schemes !!

I tried several times in the Temple but it has never been as perfect as yours TT

Serviteur,
Luca Tempesta ha detto…
Wow, Morikun, that's a great compliment!
i'm sure you are not so bad as you think!

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!