Passa ai contenuti principali

Basi tematiche per miniature

Vi presento 5 idee per decorare le basi su cui potranno poi essere inserite le miniature in scala 28 mm.
Le basi presentate sono di tipo regolamentare, delle dimensioni di 5x5 cm.
Partiamo con il primo tema: il deserto.
Ho utilizzato la pasta Das per dare movimento al terreno, dipingendola con colore ocra spray per poi ricoprirla con colla vinilica e pietrisco.
Il cactus è in plastica, ricavato da una pianta decorativa; la colorazione di base in verde è stata poi trattata con un drybrush in colore beige.
Il teschio fa parte degli accessori dei kit Games Workshop ed è stato dipinto in bianco con una successiva lavatura marrone.

Passiamo ora all'ambientazione "demoniaca".

La base è stata realizzata con pasta Das e testurizzata con uno spazzolino con setole metalliche picchiettato sulla superficie.
Le scale sono in resina, recuperate da un altro modellino e dipinte a pennello per farle sembrare di marmo.
La luce derivante dal fiume di lava si ottiene con passaggi successivi di drybrush in rosso, arancione e giallo; pochi tocchi di bianco puro al centro del flusso ne indicano il punto più caldo.
Una lavatura in colore rosso scuro simula il magma ancora caldo al di sotto della crosta nera che si va raffreddando.

Dal caldo al gelo: l'ambientazione invernale.
La pietra istoriata è in resina ed è stata dipinta con vernice spray, utilizzando il metodo del drybrush per esaltarne i disegni.
Sulla base di pasta Das ho impresso l'impronta di un cingolo che ho poi dipinto a pennello, con una lavatura in colore nero e uno strato finale di vernice lucida per dare un aspetto bagnato.
La neve è in plastica, del tipo economico che si usa per i presepi e si fissa con colla vinilica.

Ora facciamo un giro nella giungla:
Questa è la base più facile da realizzare, ma non è meno efficace delle altre.
Ho utilizzato delle piante in plastica per acquari e le ho dipinte con vernice spray in modo irregolare.
Una volta fissate le parti alla base ho incollato dell'erba da presepe con la colla vinilica per riprodurre il sottobosco.

Infine, l'ambientazione futuristica:

Ho scelto di realizzare un tratto di strada illuminato da un lampione.
Il lampione è in plastica, prodotto dalla Games Workshop, mentre il marciapiede è stato ritagliato nella masonite (MDF).
La colorazione è interamente a pennello, con lavature scure per le parti in ombra e con vari trattamenti drybrush per quelle in luce.

A presto!

Commenti

Jose Daniel M.L. ha detto…
Hola amigo
Magnificas peanas y gran idea compartirlas
Mis preferidas fuego y nieve
Un Saludo
Michael Awdry ha detto…
Amazing looking bases Luca, that lava one really stands out.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks jd, i prefer them too!
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Michael, i worked hard on it!
Mori kun ha detto…
Whoa !! O_O Your base are absolutely awesome !!

Your daemonic one is the best !! The desert is perfect : you are always very good at sandy scheme ^^

And what about the snow base ? The ambiant is very cold !! XD

You're very dangerous at contests you know ? But this time I'm in !!

Serviteur,

Luca Tempesta ha detto…
Wow, Morikun, i'm honored!
We are competitors this time: win the best!
waoooowww ! They are awesome !!! Luca strikes again ^^

You have done a great work.
I can't now tell you what i think about them because the contest isn't finish but i can tell you that you are a serious competitor ^^

Well done !
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Gilles, you make me proud of my job!
Fed Zeppelin ha detto…
sono uno più bello dell'altro! *__*
RMacedo NoVember ha detto…
Impressionanti lavori - come sempre! Mi piace sopratutto la luce nel fiume di lava, cosi realistica, sembra essere vera! Saluti cordiali!!
Luca Tempesta ha detto…
Molte grazie RMacedo!
FourEyedMonster ha detto…
I like the lava one best. :)

These are good ideas to take on board as my own bases are some of the dullest pieces you can ever set eyes on.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks FEM!
i'm happy to have given some ideas to you!
Brauwan ha detto…
I had already seen them on Monty's blog but that's still imrpessive. Especially the demonic one, good job !
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Brauwan, glad you like them!

Post popolari in questo blog

Castello lancia dadi

Avendo a disposizione un castello in plastica della MiniArt in scala 1/72, ho deciso di sviluppare un progetto più ambizioso della semplice costruzione della solita fortificazione a pianta quadrata:
Ho modificato le mura con il taglierino per allargare l'angolo di contatto tra le parti, inoltre ho sopraelevato il tutto ad altezze differenti inserendo dei pezzi di legno al di sotto di ogni torre.
Il risultato è una struttura a spirale discendente:
I vuoti sono stati riempiti con schiuma di poliuretano e pezzi di polistirolo, in seguito ricoperti con bende gessate.
Un'ulteriore particolarità del diorama è che ogni torre è utilizzabile come lancia dadi, con i punti di raccolta perfettamente integrati nel paesaggio:
La base in legno è delle dimensioni di 56x36 cm e l'intero diorama è stato dipinto con vernice acrilica spray, tranne le porte e il sentiero, che sono stati realizzati a pennello.
Piccole quantità di erba da presepe sono state incollate con la colla vinilica Vina…

Il ponte di Remagen

Titolo originale: The bridge at Remagen
Anno: 1969
Regia: John Guillermin
Interpreti: George Segal, Ben Gazzara, Robert Vaughn, E.G. Marshall
Trama: Durante la seconda guerra mondiale, l’avanzata degli americani verso il cuore della Germania arriva al Reno. L’esercito tedesco in ritirata ha distrutto tutti i ponti per rallentare gli Alleati, ma quello presso la città di Remagen è ancora in piedi e sarà lo scenario di una battaglia feroce tra i soldati americani che tenteranno di attraversarlo e i militari tedeschi che proveranno a distruggerlo con tutti i mezzi.
Il film si discosta in alcuni episodi secondari dalla cronaca storica della battaglia realmente avvenuta. Buona la ricostruzione di armi ed equipaggiamenti, con personaggi un po’ stereotipati, come era tipico del cinema degli anni ’60; nonostante questo, però, la storia evidenzia comunque come il passaggio del ponte sia stato dovuto più ad un errore da parte dei tedeschi che ad un’effettiva superiorità tattica degli Alleati. Pec…

Tu non puoi passare!

Nelle miniere di Moria si svolge uno scontro epocale.
Per favorire la fuga dei suoi compagni, Gandalf affronta un Balrog: un orrore delle profondità della terra, portato alla luce dalla cupidigia dei Nani, che hanno scavato troppo in profondità alla ricerca di mithril.
Un ponte di pietra sospeso su un abisso senza fondo è il palcoscenico del confronto:



Gandalf si erge coraggiosamente a fronteggiare il mostro, che avanza brandendo una spada di fuoco.
Al termine della lotta, il mago sprofonda nelle viscere della terra assieme al suo antagonista, ma chissà che questa per lui non sia la fine, ma un nuovo inizio...
Il figurino di Gandalf è in metallo (28mm); la veste è in grigio scuro con lavature in nero e lumeggiature a pennello asciutto in 2 tonalità di grigio più chiaro; i capelli sono dipinti in grigio e lumeggiati con più passate di bianco a pennello asciutto.
Il Balrog è in plastica ed al nero di fondo è stata applicata una lavatura di rosso per ottenere l'effetto "lava"…