Passa ai contenuti principali

Basi tematiche per miniature

Vi presento 5 idee per decorare le basi su cui potranno poi essere inserite le miniature in scala 28 mm.
Le basi presentate sono di tipo regolamentare, delle dimensioni di 5x5 cm.
Partiamo con il primo tema: il deserto.
Ho utilizzato la pasta Das per dare movimento al terreno, dipingendola con colore ocra spray per poi ricoprirla con colla vinilica e pietrisco.
Il cactus è in plastica, ricavato da una pianta decorativa; la colorazione di base in verde è stata poi trattata con un drybrush in colore beige.
Il teschio fa parte degli accessori dei kit Games Workshop ed è stato dipinto in bianco con una successiva lavatura marrone.

Passiamo ora all'ambientazione "demoniaca".

La base è stata realizzata con pasta Das e testurizzata con uno spazzolino con setole metalliche picchiettato sulla superficie.
Le scale sono in resina, recuperate da un altro modellino e dipinte a pennello per farle sembrare di marmo.
La luce derivante dal fiume di lava si ottiene con passaggi successivi di drybrush in rosso, arancione e giallo; pochi tocchi di bianco puro al centro del flusso ne indicano il punto più caldo.
Una lavatura in colore rosso scuro simula il magma ancora caldo al di sotto della crosta nera che si va raffreddando.

Dal caldo al gelo: l'ambientazione invernale.
La pietra istoriata è in resina ed è stata dipinta con vernice spray, utilizzando il metodo del drybrush per esaltarne i disegni.
Sulla base di pasta Das ho impresso l'impronta di un cingolo che ho poi dipinto a pennello, con una lavatura in colore nero e uno strato finale di vernice lucida per dare un aspetto bagnato.
La neve è in plastica, del tipo economico che si usa per i presepi e si fissa con colla vinilica.

Ora facciamo un giro nella giungla:
Questa è la base più facile da realizzare, ma non è meno efficace delle altre.
Ho utilizzato delle piante in plastica per acquari e le ho dipinte con vernice spray in modo irregolare.
Una volta fissate le parti alla base ho incollato dell'erba da presepe con la colla vinilica per riprodurre il sottobosco.

Infine, l'ambientazione futuristica:

Ho scelto di realizzare un tratto di strada illuminato da un lampione.
Il lampione è in plastica, prodotto dalla Games Workshop, mentre il marciapiede è stato ritagliato nella masonite (MDF).
La colorazione è interamente a pennello, con lavature scure per le parti in ombra e con vari trattamenti drybrush per quelle in luce.

A presto!

Commenti

Jose Daniel M.L. ha detto…
Hola amigo
Magnificas peanas y gran idea compartirlas
Mis preferidas fuego y nieve
Un Saludo
Michael Awdry ha detto…
Amazing looking bases Luca, that lava one really stands out.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks jd, i prefer them too!
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Michael, i worked hard on it!
Mori kun ha detto…
Whoa !! O_O Your base are absolutely awesome !!

Your daemonic one is the best !! The desert is perfect : you are always very good at sandy scheme ^^

And what about the snow base ? The ambiant is very cold !! XD

You're very dangerous at contests you know ? But this time I'm in !!

Serviteur,

Luca Tempesta ha detto…
Wow, Morikun, i'm honored!
We are competitors this time: win the best!
waoooowww ! They are awesome !!! Luca strikes again ^^

You have done a great work.
I can't now tell you what i think about them because the contest isn't finish but i can tell you that you are a serious competitor ^^

Well done !
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Gilles, you make me proud of my job!
Fed Zeppelin ha detto…
sono uno più bello dell'altro! *__*
RMacedo NoVember ha detto…
Impressionanti lavori - come sempre! Mi piace sopratutto la luce nel fiume di lava, cosi realistica, sembra essere vera! Saluti cordiali!!
Luca Tempesta ha detto…
Molte grazie RMacedo!
FourEyedMonster ha detto…
I like the lava one best. :)

These are good ideas to take on board as my own bases are some of the dullest pieces you can ever set eyes on.
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks FEM!
i'm happy to have given some ideas to you!
Brauwan ha detto…
I had already seen them on Monty's blog but that's still imrpessive. Especially the demonic one, good job !
Luca Tempesta ha detto…
Many thanks Brauwan, glad you like them!

Post popolari in questo blog

Il Samurai d'acciaio (IJN Akagi)

Progettata come incrociatore e convertita in portaerei in corso d'opera, la Akagi (in giapponese: castello rosso, dal nome di un vulcano del Kanto) entrò in linea prima dello scoppio della seconda guerra mondiale:
Sottoposta a vari ammodernamenti, la nave prese parte all'attacco a Pearl Harbor del 07.12.1941.
Nella foto seguente si vede bene il fumaiolo, piegato in basso e all'esterno, perchè il fumo non invadesse il ponte di volo:
Un primo piano del ponte con l'elevatore di prua in evidenza:
Dati tecnici: dislocamento: 42000 t; lunghezza: 260,68 m; larghezza: 31,32 m; equipaggio: 2000.
Fu affondata dagli aerosiluranti americani durante la battaglia delle Midway.
Il modello è della Hasegawa, in scala 1.350. Molti i pezzi da assemblare, con un buon dettaglio generale; scafo dipinto a spruzzo, usando la carta gommata per le mascherature.
Il ponte di volo presenta alcune linee da dipingere a mano, data l'assenza delle decals.

Per una rassegna di film di guerra cliccat…

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

Disarmato in battaglia (EA-6B Prowler)

Il velivolo EA-6B Prowler (Predatore) è un quadriposto da guerra elettronica prodotto dalla ditta Grumman.
L'aereo deriva dall'A-6 Intruder, aereo da appoggio tattico: le maggiori differenze sono l'aggiunta di un bulbo contenente apparati elettronici sulla sommità della deriva e di due sedili aggiuntivi per gli operatori ai sistemi. All'esterno trovano posto fino a 5 gondole ECM; nel modello illustrato due di esse sono state sostituite da serbatoi sganciabili, che ne allungano il raggio d'azione.
In occasione di missioni di soppressione dei radar nemici, il Prowler può essere equipaggiato con missili antiradar AGM-88 Harpoon (peraltro non previsti nella versione in esame, ma solo nelle successive). Il perspex che compone il tettuccio è ricoperto di una sottilissma foglia di oro, volta a bloccare l'ingresso di radiazioni dannose provenienti dalle apparecchiature di disturbo elettronico.
L'aereo ha un peso massimo al decollo di 27.900 kg ed è capace di una ve…