Passa ai contenuti principali

Girls und panzer

In un presente alternativo le scuole superiori giapponesi sono state trasferite su portaerei che incrociano al largo della madrepatria, e tra le materie di insegnamento c'è la guerra corazzata...


In queste foto vediamo il panzer IV della squadra protagonista della storia.
Modellino in plastica in scala 1/100 con figurini derivanti dal modellismo ferroviario.
Fondo spray nero con colorazione a pennello; non ho apposto le lavature per mantenere un aspetto più pulito, simile al cartone animato.

A presto!

Commenti

Michael Awdry ha detto…
Great fun Luca, well done Sir.
Luca Tempesta ha detto…
many thanks Michael!
FourEyedMonster ha detto…
Ooooo ... very nice Luca. I wonder if you could help me. I am thinking of doing a FURY diorama (a tank war movie starring Brad Pitt). Have you seen the movie? I know that the US tank is the M4A3E8 Sherman 'Easy Eight' but as for the Tiger 1 used in the movie I bought the TAMIYA German Tiger I Initial Production #35277(http://www.1999.co.jp/eng/10015445). I wonder if that's the right one or should I have gotten the TAMIYA German Tiger I Early Production #35216 (http://www.1999.co.jp/eng/10000282)? Since you like tanks I was hoping you would know. I'm going for movie-accurate and not historical accurate. :)
Luca Tempesta ha detto…
Hi FEM, glad you like it! I have seen the movie and i can tell you that the Tiger tank is Tiger 131 from Bovington tank museum in the Uk. I think you can use the kit you have bought, but you can take a look at that tank in the museum's web page. Hope to have helped you and ask me for more, it's a great project
"Donne e motori, gioie e dolori!"
Simpaticissima idea! Complimenti ciao A.
Luca Tempesta ha detto…
grazie Ale! gentilissimo!

Post popolari in questo blog

Oculi de vitro cum capsula

Nei secoli bui del Medioevo, alcune figure isolate cercavano il conforto della ragione e della scienza per razionalizzare un mondo immerso nella superstizione e nella religiosità opprimente dell'Inquisizione.
Tra di loro, il protagonista de "Il nome della rosa", frate Guglielmo da Baskerville:
 Seduto ad uno dei banchi dello scriptorium, sembra distratto da un rumore...

Gli occhiali (oculi de vitro) sono appoggiati sul banco, accanto ai pennelli da miniatore.


Un topo è sul pavimento, tra le zampe del tavolo: "Ai topi i libri piacciono più che agli studiosi", dice Guglielmo ad Adso...
Un primo piano sull'espressione interrogativa del frate:
Il modello è interamente in metallo, in scala 80 mm, e presenta qualche problema di assemblaggio, soprattutto per orientare il banco coerentemente alla figura, plasmata sulle fattezze di Sean Connery.
Dopo una passata di primer nero spray si procede con la colorazione, infine ampie lavature di nero pongono in risalto l…

A'Tuin

"Ho sempre sospettato che gli Dei avessero senso dell'umorismo, altrimenti perchè avrebbero piazzato il nostro mondo sul dorso di quattro elefanti che stanno appoggiati su una tartaruga che nuota nello spazio?"
Moist von Lipwig
La Grande A'Tuin, appartenente alla specie Chelys Galactica, è il personaggio più misterioso di Mondo Disco: nessuno sa quanti anni abbia, dove stia andando e perchè.
Persino il suo sesso è ignoto, anche se almeno una spedizione di astrozoologi ha tentato di svelare il mistero (la vicenda è raccontata nella miniserie The Colour of Magic).
Tra le città più importanti di Mondo Disco è impossibile non citare Ankh Morpork, sede dell'Università Invisibile, il cui computer centrale verrà interogato da Morte nel tentativo di scoprire cosa fosse successo a Hogfather.
Lungo il bordo del disco l'acqua degli oceani si riversa nello spazio, generando la schiuma che si vede tutto intorno.
Una leggenda sostiene che, originariamente, vi fossero cinque…

Apotecario degli Space Marine Primaris

Quando uno Space Marine cade sul campo di battaglia, l'Apotecario interviene con i suoi strumenti e ne estirpa il seme genetico, che diverrà la base per la creazione di nuovi soldati, fedeli all'Imperatore.




Figurino in plastica, in scala 28mm, prodotto dalla Games Workshop.
Interamente dipinto con i colori acrilici Citadel su una base di primer spray bianco; l'effetto sangue e il lucido trasparente usato sulla siringa appartengono alla linea di colori Citadel Technical.

A presto!